Ognuno di noi ha un posto nel mondo che considera un po’ come fosse una “seconda casa”. Un posto che piano piano è entrato nel nostro cuore, che ci  rende felici e dove sappiamo di poterci rifugiare quando qualcosa va storto. Ecco, questo posto per me sono le montagne della Valtellina, tra Bormio e Livigno.

25 anni di montagne, grandi abbuffate e tanto relax hanno reso questi luoghi la mia seconda casa. Vorrei ed avrei mille cose da raccontarvi ma so che dirvi tutto in un unico post risulterebbe impossibile e forse un tantino noioso. Potrei parlarvi della cucina che caratterizza il territorio, delle numerose escursioni che si possono fare e degli infiniti scenari che questo paesaggio offre. Prima di entrare nello specifico però inizierei raccontandovi un po’ del territorio e dei luoghi che non potete assolutamente perdere se siete in zona.

  • LIVIGNO

A più di 1800 metri di quota si trova Livigno, località d’eccellenza della Valtellina. Il paese si snoda lungo una vallata di 15 chilometri, incastonato al centro delle Alpi Retiche tra il Bernina e lo Stelvio. Livigno offre numerose attività per abitanti e turisti durante tutto l’anno, sia nella stagione invernale che in quella estiva. Grazie ai suoi numerosi e moderni impianti di risalita Livigno è sicuramente una delle mete più gettonate dagli sciatori, internazionali e non. Durante la stagione estiva invece è possibile scoprire il territorio facendo lunghe passeggiate o giri in bicicletta. Inoltre può essere interessante sapere che Livigno è una zona franca (duty free), perciò i prezzi di tutte le merci sono esenti da IVA. Fatevi avanti amanti dello shopping.

 

  • BORMIO

Tra i comuni di Valdidentro, Valdisotto e Valfurva si trova Bormio, località alpina conosciuta per lo sci, il ciclismo e le sue terme. La sua famosissima pista Stelvio ha ospitato per diversi anni i campionati mondiali di sci alpino, mentre le strade che conducono al passo dello Stelvio (cima Coppi) sono ormai parte integrante del Giro d’Italia. Altrettanto famose sono le terme di Bormio: Bormio Terme vicino al centro del paese, i Bagni Nuovi ed i Bagni Vecchi entrambi in località Molina (poco distanti da Bormio stessa).

                  

 

  • PARCO DELLO STELVIO

Nato nel 1935 per proteggere il suo territorio nonché la sua flora e fauna, il Parco Nazionale dello Stelvio è il più grande parco d’Italia. Il Passo dello Stelvio mette in comunicazione Lombardia, Trentino Alto Adige e Svizzera e può essere quindi raggiunto da più versanti caratterizzati da più o meno tornanti. Il versante lombardo attraversa l’intera valle del Braulio, il versante altoatesino (composto da ben 48 tornanti) permette di raggiungere in poco tempo Bolzano, mentre dal versante svizzero (valico di Santa Maria) è possibile recarsi facilmente a Livigno. Lo Stelvio è particolarmente famoso come meta ciclistica, ma d’estate offre anche la possibilità di sciare grazie al ghiacciaio dello Stelvio, il più esteso d’Europa.

                    

 

  • VALLE DI FRAELE

A pochi passi da Bormio e ad un’altezza di circa 2000 metri si trova la Valle di Fraele, interamente circondata da montagne. La valle è molto frequentata nei mesi estivi in quanto facilmente raggiungibile sia in auto che in bici. Partendo da Valdidentro, dopo una serie di tornanti si incontrano le Torri di Fraele. Le torri sono un simbolo storico dell’intera valle, utilizzate nel passato per sorvegliare l’antica contea di Bormio. Ripartendo da questo punto è possibile raggiungere lungo una strada pianeggiante il lago delle Scale, nonché l’omonimo monte. All’altezza del lago è possibile intraprendere il sentiero che in circa due ore porta ad una delle due cime del monte, quella su cui è posta la famosa Croce. Arrivati al lago però si può anche proseguire raggiungendo gli altrettanto famosi laghi artificiali: diga di Cancano e il bacino di San Giacomo.

                   

 

  • VAL VIOLA

Una delle mie mete preferite è senza dubbio la Val Viola. Qui un lungo sentiero immerso completamente nella natura (ed abbastanza pianeggiante) conduce all’omonimo rifugio Viola. Vi sembrerà di non farcela ma la fatica verrà ripagata da un ottimo pasto a base di polenta e spezzatino, salamella, formaggio e dulcis in fundo una generosa fetta di torta di grano saraceno e mirtilli. E’ possibile percorrere il primo tratto di strada in macchina e partire poi da uno dei tanti parcheggi. I più temerari invece possono decidere di intraprendere il sentiero fin dall’inizio, ovvero dal tornante di Arnoga.

                  

 

  • VAL ZEBRU’

Collocata nel Parco Nazionale dello Stelvio, la Val Zebrù copre circa 12 chilometri. Percorrendo la valle a piedi è possibile raggiungere diversi rifugi. In “sole” 5 ore è possibile raggiungere il rifugio V Alpini, dove è possibile anche pernottare. Lungo tutta la valle sorgono diverse baite dove consiglio di fermarsi per una buona dose di zuccheri. Cosa c’è di meglio che una bella fetta di torta per proseguire il cammino?

                 

 

  • VALLE DEI FORNI

La Valle dei Forni è la meta ideale per tutti coloro che desiderano fare hiking. Nella valle, percorsa in gran parte dal torrente Frodolfo, si trova anche l’omonimo ghiacciaio circondato dalle famose tredici cime. Il ghiacciaio è uno dei più grandi d’Italia anche se nel corso degli ultimi anni si è notevolmente ritirato a causa dei numerosi cambiamenti climatici. Incamminandosi lungo la valle si giunge prima al rifugio dei Forni e successivamente al rifugio Branca. Mi sento in dovere di consigliarvi il rifugio Branca per provare una delle loro torte fatte in casa e perché no, anche un bel bombardino.

 

La Valtellina non è solo questo ovviamente, ma senza dubbio sono i posti a cui sono più legata avendo dei particolari ricordi legati a loro. Da quando ho iniziato a scrivere ho sempre voluto parlarvi di questa fantastica terra e finalmente ho trovato l’occasione. Presto però entrerò più nel dettaglio dandovi maggiori consigli. Fatemi sapere se il post è stato utile e se almeno un po’ vi ho trasmesso la voglia di partire.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *