Nel cuore di Milano, Amuse Bouche ha fin da subito conquistato un posticino nel mio cuore. Un locale tanto piccolo quanto grazioso, lungo via Savona, che offre un concept totalmente nuovo per il contesto meneghino. La rivoluzione di Amuse Bouche sta in 30 grammi di pura bontà, ovvero 30 diversi mini francesini arricchiti con materie prime selezionate attentamente, così che ogni panino sia davvero gustoso e di ottima qualità. Tra di essi, 8 di queste mini delizie sono appositamente pensate per i palati vegetariani ed anche vegani.

IMG_0773.JPG   FullSizeRender (1).jpg
Finora i miei preferiti sono “alouvetta” (petto di pollo sfilacciato, salsa allo yogurt e curry, uvetta, mandorle e valeriana) e “nouance di beige” (petto di pollo sfilacciato, mela verde, crema di gorgonzola). Della “linea” vegetarian/vegan, invece, mi sono subito innamorata di “le banlieu” (hummus, pomodoro, avocado) e “j’accuse” (crema di avocado e limone, granella di nocciole tostate, pomodorino semi dry).

IMG_0765.JPG  IMG_0766.JPG

Ma Amuse Bouche non è solo francesini, all’interno del menù infatti sono presenti anche piccoli piatti, concepiti con l’idea dell’assaggio. Tra questi ho provato “belin rouge”, ovvero spaghetti di zucchine, pesto rosso, petali di grana, pinoli tostati. Un piatto light ma super delizioso, che senza ombra di dubbio mi sento di consigliare a chi varca la soglia del locale per la prima volta.

IMG_0764.JPG

Un buon pasto non può dirsi concluso senza qualcosa di dolce però, ed ecco che Amuse Bouche offre ben cinque ricette super golose. Da buon’amante del cioccolato, la mia proposta preferita non può che essere “razione k”, 30gr di francesino con una tavoletta di cioccolato (fondente o al latte) al suo interno. Grazie al pane ancora caldo, la tavoletta di cioccolato si scioglie alla perfezione, e riporta immediatamente alle merende di quando eravamo piccoli.

FullSizeRender (2).jpg

Infine, Amuse Bouche ha deciso di stravolgere ancora di più il contesto milanese. Come? Di fronte alla classica proposta del “brunch”, il locale risponde con il cosiddetto “frunch”, ossia un brunch tutto alla francese. La proposta prevede un vassoio di benvenuto (composto da francesini caldi con burro e marmellata, madeleine, petit bol con crema di latte e frutti rossi, caffè e spremuta d’arancia) ed un piatto a scelta tra cinque diverse delizie, tra cui “quiche lorraine con contorno di belin rouge” e “oeuf frit e francesino con burro, salmone ed erba cipollina”.

Questo petit lieu francese non è solo gusto e qualità, un’altra nota positiva del locale sono infatti i prezzi davvero accessibili (pensate che un francesino spazia tra €2,50 e €5,50).

Sono sicura che non appena deciderete di provare questo locale ve ne innamorerete al primo istante, così com’è capitato a me. Quindi vi lascio l’indirizzo e non mi resta che dirvi “ci vediamo da Amuse Bouche!”.

Amuse Bouche – Via Savona, 13/a, Milano

Visita il sito internet per scoprirne di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *